Scambi Internazionali
Lights, Camera, (Re)Action!

 

Dall’ 11 al 18 settembre p.v., a Torino, si svolge lo scambio internazionale Lights, Camera, (Re)Action!, dedicato al tema “hate speach” (campagne di incitamento all'odio) e come contrastarlo.

Scopo dell’iniziativa è stimolare le capacità di analisi critica dei ragazzi nei confronti dei messaggi diffusi dai media, in particolare sui social network, e metterli in condizione di comprendere appieno i meccanismi che stanno alla base delle campagne d’odio e le modalità più efficaci per controbattere gli effetti perniciosi di tali campagne, utilizzando le possibilità offerte dai media digitali. L’intento principale dello scambio è contrastare il crescente razzismo e la discriminazione promossi dall’Online Hate Speech (campagne d’odio in rete) promovendo le pratiche di cittadinanza digitale attiva dei giovani. Formatori e facilitatori aiuteranno i ragazzi a comprendere come identificare le campagne d’odio online e come impiegare la loro creatività e ironia per rispondere e contrastarle.

Lo scambio, ideato e promosso da YEPP Italia, condivide molti degli obbiettivi e priorità del programma Erasmus plus - che cofinanzia l’iniziativa insieme alla Compagnia di San Paolo e al Comune di Torino attraverso ITER – in particolare per quanto riguarda la promozione del dialogo interculturale, la lotta alla discriminazione, la promozione della cittadinanza attiva e l’inclusione di ragazzi a rischio di esclusione sociale.

L’incontro, che coinvolge 36 giovani provenienti da 5 Paesi europei (Spagna, Norvegia, Finlandia, Polonia e Italia), nasce dall’interesse a comprendere le radici e a contrastare il razzismo e la discriminazione, espresso da numerosi ragazzi italiani e non che hanno partecipato in passato a scambi e workshop nazionali e internazionali organizzati e gestiti da YEPP Italia.

Le attività dello scambio saranno svote secondo metodologie di educazione non formale e informale, i partecipanti saranno sempre al centro delle attività e i facilitatori e i trainer avranno il compito di aiutarli a esprimere le oro opinioni e a trovare soluzioni creative e innovative ai problemi sollevati dal dibattito.

I primi giorni dello scambio sono dedicati alla conoscenza reciproca, alla comprensione delle differenze culturali e dei punti in comune, all’identificazione dei caratteri distintivi delle campagne d’odio, con vari esempi portati dai partecipanti dai loro rispettivi Paesi d’origine. Seguirà una fase di discussione su come usare creatività e ironia per combattere l’odio e la discriminazione, seguita dalla realizzazione pratica di vari media digitali brevi ma efficaci nel controbattere i messaggi negativi lanciati dall’Hate Speech.

Le attività si svolgono nel Centro di cultura per l’immagine e il cinema di animazione – ITER (via Millelire 40) e i ragazzi saranno alloggiati presso l’Ostello Torino.

Lo scambio si chiuderà, domenica 18 settembre, con la proiezione dei video realizzati dai ragazzi, che si svolgerà alle 19.00, al Cecchi Hub (Via Antonio Cecchi 17 – Torino).